Travel Myanmar | Myanmar Tradizionale
12187
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-12187,mkd-core-1.1,ajax_fade,page_not_loaded,,burst-ver-2.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Il Myanmar è caratterizzato da una ricchezza di culture diverse. Se state cercando di conoscerne il lato culturale, vi promettiamo di soddisfare i vostri desideri. Ci sono 135 gruppi etnici distinti in Myanmar con la loro cultura e le loro tradizioni. Questo si rispecchia in tutto ciò che fanno: la cucina, l’abbigliamento, la fede, l’occupazione e molto altro ancora. Vi diamo il benvenuto nel mondo della diversità delle tradizioni del Myanmar.

VENITE, FATE PARTE DELLE TRADIZIONI DEL NOSTRO PAESE. CREIAMO INSIEME LEGAMI DURATURI.

ARTI E MESTIERI FAMOSI

PANCHI

 

Il termine Panchi si riferisce all’arte della pittura che illustra animali vivi e oggetti inanimati con colori diversi. Gli artisti dipingono le figure di esseri umani, animali, oggetti, scenografie, disegni e caricature della scena umana. Questi dipinti hanno avuto origine da Bagan e risentono molto dell’influenza del buddismo Se desiderare in particolare scoprire dipinti, dovreste visitare Bagan dove si trovano antichi dipinti tradizionali e capolavori dell’11° secolo d.C. Le sculture murali a Bagan sono le migliori rappresentazioni del Panchi. I dipinti del periodo di Konbaung sono vivaci, belli e colorati, specialmente i dipinti murali della Pagoda Mahamyatmuni a Mandalay che rappresentano scene del periodo Yadanarpon.

PUNPU

 

Con il termine Punpu si fa riferimento all’arte di creare sculture, figure e motivi floreali in legno. Gli artigiani del Myanmar sono altamente qualificati nella lavorazione di materiali che vanno dall’osso, alla giada, alla pietra e soprattutto il legno. Sono in grado di realizzare figure umane, animali e motivi floreali con qualsiasi materiale. Sono particolarmente abili nel realizzare immagini di Buddha o statuette in legno. Se volete conoscere l’arte Punpu del periodo Yadanarpon in Myanmar, dovete visitare il monastero di Shwe In Bin a Mandalay e il monastero di Bargayar a Innwa. Una scultura in legno del periodo Bagan è il portale più

PANYUN

 

Panyun è l’arte di produzione di oggetti in bambù, legno e vernice nera spessa (thit-se). La laccatura, conosciuta come Yun in Myanmar si riferisce a un processo che utilizza ingredienti organici naturali per decorare qualsiasi cosa, da una cassettiera a una tazza. A distinguerla è la grande quantità di tempo necessaria e la capacità di rifinire un singolo pezzo. Ogni articolo viene prima realizzato con bambù o legno. Un elaborato processo di applicazione è seguito da un periodo di riposo, spesso in una cantina sotterranea, per un massimo di dieci giorni. Le strisce di bambù, finemente tagliate, sono intrecciate con un misto di resina, argilla e cenere; infine vengono lucidate con la cenere di legno fossile. I disegni vengono poi incisi o dipinti a mano. La lacca birmana più tradizionale è di un colore terracotta unico con scene delle storie di Jataka, l’antica esistenza del Buddha. Bagan è la patria di questo artigianato. Gli artigiani della laccatura producono comunemente le ciotole per l’elemosina (ciotole per i monaci), le ciotole per il cibo, le ciotole per il tè, le tazze, le tradizionali scatole di betel (usate specialmente nelle case del Myanmar per servire gli ospiti), le scatole di sigari, ecc. Come per la maggior parte degli altri aspetti artistici dell’industria del Myanmar la laccatura costituisce una parte essenziale della vita civile.

PANBE

 

Il Panbe è una delle meraviglie artistiche del mondo, una sorta di fabbro che crea vari prodotti utilizzando il ferro riscaldato nel forno. Produce barre in ferro che vengono utilizzate per costruire carri, attrezzi, martelli, asce, coltelli di vario tipo, spade, zappa e forbici. L’industria metallurgica del paese è stata avviata durante il periodo intermedio tra Bagan e Yadanarpon. Dirigetevi nella regione di Inlay per vedere l’interessante località dei Panbe in azione. Non dimenticate di comprare un ricordo del vostro viaggio!

PANPOOT

 

L’arte di Panpoot è l’arte di fare utensili in legno utilizzando dei tornitori. I prodotti finiti includono fusti di ombrelli, gambe di tavoli, gambe di letti, parapetti e colonne per padiglioni e ringhiere. Questo mestiere tradizionale ha avuto inizio il periodi Bagan nell’VIII secolo d.C., Ava e Yatanarpon. La varietà di prodotti realizzati con quest’arte è molto interessante e, oltre a quanto detto in precedenza, comprende contenitori per alimenti, scatole, ciotole, tavoli e sedie. Hanno un aspetto estremamente accattivante. L’arte Panpoot risente di una forte influenza della cultura Mon.

PANYAN

 

Panyan significa costruire un edificio utilizzando mattoni, pietra e cemento. I muratori, comunemente noti come uomini Panyan, costruiscono case, pagode, ponti e molto altro ancora. Il lavoro tradizionale di edilizia del Myanmar è ben noto per le antiche pagode e altri edifici religiosi intorno all’area di Bagan. L’edilizia tradizionale del paese del periodo Bagan è la più sviluppata tra tutte le altre epoche storiche. L’artigianato mostra notevole forza, per la bellezza, la maestosità, i dettagli e le decorazioni. L’edilizia tradizionale del Myanmar deriva dalla cultura del popolo Mon della regione di Suvanna Bhumi. Come è noto, la produzione di opere edili in Myanmar è iniziata durante il periodo Pyu nel I secolo d.C.

PANTAUT

 

Il Pantaut è l’arte di realizzare disegni decorativi in rilievo in stucco. Gli artigiani scolpiscono figure di leoni, draghi e motivi floreali con stucchi. La tradizionale scultura in stucco del Myanmar è nata prima del periodo Bagan ed è stata ampiamente praticata durante il periodo Bagan, Amarapura e Yadanarpon. Secondo i documenti storici, gli stucchi erano molto famosi durante il periodo Bagan e presentavano decorazioni minuziose. Dopo il periodo Bagan, le sculture in stucco del periodo di metà Konbaung o Amarapura mostravano grande raffinatezza in autentico stile birmano. Le foglie arricciate e i boccioli sono molto belli. È possibile conoscere questa cultura presso il monastero in mattoni del Menu a Innwa. Il grande edificio stesso è un’opera d’arte che suscita grande ammirazione per l’arte Pantaut.

PANTAMAUT

 

Si riferisce all’arte dell’intaglio della pietra. Gli artigiani realizzano molti oggetti religiosi, soprattutto immagini di Buddha e lastre di pietra per le iscrizioni. Altre figure come elefanti, cervi, oltre ad oggetti quali pestelli circolari in pietra, mortai e tavoli sono prodotti su ordinazione. La scultura in pietra è una caratteristica artistica significativa del Myanmar ed è considerata un onore per la popolazione locale. Ci sono laboratori di scultura a Yangon, Mandalay e in altre città, la più importante è vicino alla Pagoda Mahamyatmuni a Mandalay. Belle opere d’arte in pietra possono essere ammirate nelle lastre che raffigurano la vita di Buddha al Tempio di Ananda, a Bagan. La grande statua dl Buddha nella pagoda di Kyauktawkyi ai piedi della collina di Mandalay è un altro esempio di eccellente Pantamaut.

PANTAIN

 

È l’arte di creare oggetti in oro o in argento. Gli argentieri del paese sono famosi per la produzione di bicchieri, recipienti, coppe, scudi e cinture. Gli orafi sono esperti nella produzione di vari tipi di gioielli. L’artigianato tradizionale del Myanmar prevede la produzione artistica di oggetti in oro e argento. La produzione di oggetti in argenti è stata una prerogativa del Myanmar negli ultimi 1.200 anni. È una cosa di cui il paese è orgoglioso. Secondo le cronache del palazzo di cristallo durante il regno di re Anawrahta, le reliquie di Buddha e le tre raccolte delle scritture buddiste sono state portate a Bagan da Suvunna Boumi, la capitale del Mon. Con loro sono arrivati anche gli artigiani Mon e le produzioni Mon di oggetti in oro, argento, ecc.

PANTE

 

Questa è l’arte di produrre oggetti di rame, bronzo o ottone. Gli artigiani intagliano numerosi prodotti da questi materiali come il gong triangolare in ottone e le ciotole in ottone per i monaci, pesi a forma di anatre maliziose, vassoi, pentole di rame, tazze, ciotole, piatti, campane e piccoli gong in ottone. La tradizionale lavorazione del rame del Myanmar è nata prima del periodo Bagan ed è migliorata durante il periodo Bagan e Ava. Ogni pagoda in Myanmar ha delle campane il cui rintocco racconta alla gente le buone azioni che vengono compiute. Si tratta di campane triangolari, che girano quando vengono suonate ed emettono un dolce tono crescente e decrescente che gradualmente svanisce. Inoltre, ci sono gong appesi alle proboscidi d’elefante in legno o avorio intagliato, utilizzati come gong per la cena. Sono popolari come souvenir campane di diverse dimensioni e forme, tutte inconfondibilmente birmane nel design, così come altri oggetti come pesi e campanacci per le mucche.

L’ARTE DELLA TESSITURA

INDUSTRIA DELLA TESSITURA DI SETA E COTONE

La tessitura di seta e cotone è una delle principali occupazioni del popolo Amarapura e Bagan. Il cotone è coltivato principalmente nel Myanmar centrale. Per prima cosa, producono il filo di cotone dal cotone grezzo, utilizzando una macchina che viene azionata a mano; il filo viene poi intrecciato su un telaio di legno internazionale. Oltre un centinaio di telai sono utilizzati per creare bellissimi e complessi disegni e modelli, poiché la seta viene indossata in occasioni speciali e nelle cerimonie. Essendo un famoso e interessante settore artigianale, vale la pena conoscerne le peculiarità.

TESSITURA DEL LOTO AL LAGO DI INLE

Uno dei punti di forza del Lago Inle è l’industria della tessitura del loto. La tessitura del loto è la professione principale per molte persone che vivono vicino al Lago Inle. Molti anni fa, le donne di Inle hanno iniziato a tessere tessuti utilizzando filati ottenuti dai fiori di loto. Ci sono molti villaggi dove viene praticata quest’arte, tra i quali i più famosi sono i villaggi di Phaw Kone e Kyaing Khan. Potrete visitare questi villaggi per capire come viene praticata quest’arte.

 

L’intero processo, osservato dall’inizio alla fine, è davvero sorprendente. La maggior parte delle donne anziane tagliano lo stelo di loto in piccoli pezzi ed estraggono le fibre a mano con un coltello. Poi queste fibre vengono inumidite e arrotolate insieme per ottenere dei fili. Il processo di produzione dei fili lunghi e sottili usati per tessere il loto viene ripetuto più volte. I lavoratori devono essere molto pazienti perché tutti i passaggi sono ugualmente importanti. Questa industria è molto laboriosa e quindi i prodotti per la tessitura del loto sono tra i prodotti tessili più costosi al mondo. Sono ideali come regali.

L’ARTE DELLA TESSITURA

INDUSTRIA DELLA TESSITURA DI SETA E COTONE

La tessitura di seta e cotone è una delle principali occupazioni del popolo Amarapura e Bagan. Il cotone è coltivato principalmente nel Myanmar centrale. Per prima cosa, producono il filo di cotone dal cotone grezzo, utilizzando una macchina che viene azionata a mano; il filo viene poi intrecciato su un telaio di legno internazionale. Oltre un centinaio di telai sono utilizzati per creare bellissimi e complessi disegni e modelli, poiché la seta viene indossata in occasioni speciali e nelle cerimonie. Essendo un famoso e interessante settore artigianale, vale la pena conoscerne le peculiarità.

TESSITURA DEL LOTO AL LAGO DI INLE

Uno dei punti di forza del Lago Inle è l’industria della tessitura del loto. La tessitura del loto è la professione principale per molte persone che vivono vicino al Lago Inle. Molti anni fa, le donne di Inle hanno iniziato a tessere tessuti utilizzando filati ottenuti dai fiori di loto. Ci sono molti villaggi dove viene praticata quest’arte, tra i quali i più famosi sono i villaggi di Phaw Kone e Kyaing Khan. Potrete visitare questi villaggi per capire come viene praticata quest’arte.

 

L’intero processo, osservato dall’inizio alla fine, è davvero sorprendente. La maggior parte delle donne anziane tagliano lo stelo di loto in piccoli pezzi ed estraggono le fibre a mano con un coltello. Poi queste fibre vengono inumidite e arrotolate insieme per ottenere dei fili. Il processo di produzione dei fili lunghi e sottili usati per tessere il loto viene ripetuto più volte. I lavoratori devono essere molto pazienti perché tutti i passaggi sono ugualmente importanti. Questa industria è molto laboriosa e quindi i prodotti per la tessitura del loto sono tra i prodotti tessili più costosi al mondo. Sono ideali come regali.

STRUMENTI MUSICALI E DANZA TRADIZIONALE

OO ZI

 

Il tamburo a vaso (Oo zi) è un tamburo a testa singola su un lungo gambo cavo, svasato nella parte inferiore. Il tamburo a testa singola ha una membrana tesa su un telaio rotondo. Il tamburo è accordato incollando un pezzo di pasta di riso e cenere sopra la testa. Il tamburo a vaso è lo strumento principale per la vivace danza del tamburo a vaso e viene suonato anche per i balli di gruppo. Anche se il tamburo a vaso è monotesta, può essere suonato per produrre una serie completa di suoni.

DOBAT

 

Il tamburo a doppia testa (Dobat) è lo strumento musicale più popolare nelle campagne. Il Dobat può essere suonato su entrambi i lati. Il lato sinistro del tamburo è chiamato lato femminile e il lato opposto è il lato maschile. Il lato femminile è accordato sul fondamentale (taya) mentre il lato maschile è accordato sul dominante (tayo). Il lato femminile richiede più pasta per l’accordatura. Un Dobat viene suonato velocemente e con gioia. Il suonatore usa entrambe le mani per colpire il tamburo in modo che la mano sinistra colpisca il lato femminile, e la mano destra colpisca il lato maschile. Per suonarlo vengono utilizzate le dita, i palmi o i talloni e, a volte, i gomiti. È usato soprattutto dai contadini del Myanmar per indicare il tempo del raccolto o per invocare la pioggia. Può anche essere suonato in occasione delle feste delle pagode, degli eventi di beneficenza e delle funzioni di contributo al lavoro quando gli abitanti del villaggio escono per costruire una strada o per effettuare il raccolto.

PATMA

 

Il tamburo principale o Patma fa parte della Saing Wine (orchestra di Myanmarese). Un tempo era appeso ad una trave orizzontale posta su treppiedi, ma ora è posto su un lungo pezzo di bambù duro con nodi a brevi intervalli. La trave rappresenta le cinque componenti di una pyinsa-rupa, un animale mitico con la testa di un serpente, le corna di un cervo, gli zoccoli di un cavallo, le ali di una creatura simile ad un uccello (galon) e la coda di una carpa (ngajin). Quando il Patma viene suonato insieme ai grandi piatti, sembra più forte. Il musicista che suona il Patma è anche responsabile dei sei piccoli tamburi verticali graduati e del sakhun orizzontale medio.

SIDAW

 

Il tamburo reale o Sidaw è stato suonato in occasioni reali, incontri propiziatori, e per presagi favorevoli nei villaggi. Storicamente, il Sidaw era utilizzato come parte dei rituali di palazzo e durante le cerimonie e le occasioni reali. Veniva suonato durante l’ingresso e l’uscita del re e della regina nella Sala delle Udienze, o quando i monarchi assistevano a grandi drammi o spettacoli di marionette. Il Sidaw veniva anche suonato durante le cerimonie di aratura, le visite alla città e le cerimonie che segnavano l’inizio e la fine della seduta dell’Hluttaw. Le cerimonie di presentazione dei doni sono state segnate anche dall’uso della Sidaw, così come l’inizio della festa dell’acqua di Thingyan.

PAT WAIN

 

Il tamburo circolare Pat Wain è al centro di ogni orchestra birmana; prende il nome dall’idea di strumenti appesi in un cerchio “hsain wain”. Questo strumento è composto da 19 (tradizionalmente), o 21 (dopo il 1920) tamburi accordati, con altezze che vanno dai 13 ai 41 cm, appesi a un supporto circolare di legno o in piedi, con l’esecutore al centro. Uno degli aspetti più affascinanti della musica del sud-est asiatico è l’idea dell’uso melodico di strumenti a percussione, come i cerchi di tamburi, i complessi di gong e gli xilofoni. I tamburi nel Pat Wain si accordano riempiendo i “Pa Sa”, con una pasta di riso e cenere. Più il Pa Sa è pieno, più basso suonerà il tamburo. Il suonatore di pat wain è conosciuto come “hsain hsaya”, che significa “maestro di hsain”; è quindi il principale responsabile e direttore di tutto il complesso.

KYEY SE

 

Il gong Kyey se (“kyeezee”) è talvolta chiamato anche la “campana birmana”. Si tratta di un gong piatto, triangolare in ottone massiccio, che appare in molti spettacoli orchestrali in forme e dimensioni diverse. Si può anche sentire in occasioni di cerimonie nei templi, o anche con i monaci quando camminano per le strade la mattina per chiedere l’elemosina. Un bastone di legno viene utilizzato per colpire il gong sul lato destro o sinistro del triangolo, in modo che inizi a girare con un ritmo elevato e quindi crei un suono vibrante. A seconda delle dimensioni e dell’angolo in cui viene colpito, l’intonazione cambia. È famoso per il suo suono lungo e persistente.

SAUNG

 

Si tratta di un'”arpa” che in Myanmar si chiama “saung”. Ve ne sono fondamentalmente due tipi: il Byat Saung e Saung Gauk (arpa piegata). Il Saung è un’arpa orizzontale ad arco dove il corpo risonatore è più orizzontale rispetto all’arpa occidentale, che ha un risonatore verticale. L’arpa si suona seduti sul pavimento con il corpo dello strumento in grembo e l’arco a sinistra. Le corde sono pizzicate con le dita della mano destra dall’esterno. La mano sinistra è usata per attenuare le corde in modo da favorire la chiarezza e produrre note di risonanza. Le parti principali dell’arpa sono il corpo, il lungo collo curvo ricavato dalla radice di un albero, e una stecca per corde che corre lungo il centro della parte superiore del corpo. La parte superiore del corpo del risonatore è ricoperta da una pelle di cervo ben tesa, pesantemente laccata in rosso, con quattro piccoli fori circolari per il suono. Il collo termina con una rappresentazione altamente decorata della foglia dell’albero di Bo. Il corpo e la base dell’arpa sono decorati con pezzi di mica (perle di Mandalay), vetro, oro e lacca rossa e nera. Le corde del saung sono in seta o nylon.

OBOE

 

L’Hne è un oboe multiplo con una particolare forma irregolare. Ha sette fori di riproduzione quasi equidistanti che sono fondamentali per lo sviluppo delle principali scale birmane sia nella musica da camera che in quella orchestrale. Ci sono due dimensioni comuni dell’hne, “ci” (grande) e “kalei” (piccolo), utilizzati per scopi diversi. Il più grande è per un ritmo lento e il più piccolo è per le occasioni di festa. A volte, durante le feste, il flauto di bambù “palwei” accompagna l'”hne” in quanto ha anche fori che risuonano nella stessa scala.

FLAUTO

 

Il flauto (hne) è uno degli strumenti a fiato tradizionali del Myanmar. Veniva usato in Myanmar fin dall’antichità ed è realizzato utilizzando un corno metallico, un flauto di legno e una canna di palma. L’oboe è uno strumento di legno a due fiati, a doppia canna, dal tono alto e penetrante. Ci sono due tipi di oboe del Myanmar: oboe grande e oboe piccolo. L’oboe grande ha più bassi del piccolo. Questo tipo di oboe viene usato in Myanmar da molti anni; si dice che l’inizio del suo uso risalga al 211 d.C.. È utilizzato per suonare melodie, in particolare nella musica Byawsi, Yegin, Nayi, Thapyay e Yadu. Il piccolo oboe viene comunemente usato dal 1290 e 1300 dell’era del Myanmar sino ad oggi.

XILOFONO PATAL

 

Il nome Patala significa strumento musicale con il quale è possibile suonare tutte le scale, da quelle alte a quelle basse. Gli strumenti Patala sono solitamente il Patala War detto anche xilofono in legno e il Pattalar, lo xilofono di bambù birmano. Si tratta di antichi strumenti musicali. Le versioni antiche di questi strumenti avevano una cassa di risonanza al di sotto, con sette chiavi graduate. Lo xilofono è suonato con due bacchette avvolte in un panno. Il Bamboo Patala è composto da 24 piatti di bambù posti sopra una cassa di risonanza, a partire dal tono più basso sul lato sinistro del suonatore al tono più alto sul lato destro. I piatti vengono battuti da due bacchette, accordate in scala diatonica e che vanno oltre le tre ottave.

DANZE TRADIZIONALI E DANZE POPOLARI DEL MYANMAR

La danza è sempre stata parte integrante della cultura del Myanmar. Il movimento del corpo e la disciplina della forma e della postura caratterizzano spesso le tecniche di danza locale. Dall’inaugurazione delle capitali all’inizio di una battaglia, tutte le funzioni reali sono iniziate e si sono concluse con una danza. Oggi, la danza è ancora parte integrante della vita quotidiana, che si tratti di matrimoni, feste delle pagode o Shinbyu (cerimonie di iniziazione dei monaci novizi). Svolge un ruolo vitale nella celebrazione di ogni occasione. Pwe o spettacoli di danza drammatica insieme alla musica spesso aggiungono colore alle feste delle pagode.

DANZA TRADIZIONALE

La danza tradizionale in Myanmar è elegante, armoniosa, elaborata, raffinata e floreale. Ciò che la rende ancora unica è che ogni movimento di danza trae ispirazione dai fiori. Si ritiene che un fiore assomigli ad una ballerina. Il bocciolo è la testa. Le foglie sono le mani e lo stelo il corpo. Al soffio di una leggera brezza, il fiore si anima e danza con il ritmo della natura. Questa purezza di movimento è spesso alla base della danza tradizionale del Myanmar.

DANZA FOLKLORISTICA

A seconda delle stagioni e delle terre fertili, la danza popolare in Myanmar è sempre stata parte integrante delle comunità agricole. Come tale, la maggior parte dei balli popolari riflettono la vita quotidiana con canzoni e testi che scorrono con il movimento dei ballerini. Una danza popolare è lo U Shwe Yoe, un pezzo comico con il ballerino vestito come un tipico gentiluomo del Myanmar con lunghi baffi ben rifiniti; porta un parasole Pathein, una sciarpa intorno al collo, un turbante o copricapo maculato e un sarong a motivi quadrati intorno alla vita. Nella danza, fa delle facce comiche abbracciando i movimenti di una signora, rappresentando la sua ricerca di una giovane ragazza attraente. Da sempre un pezzo popolare, le sue buffonate sono un elemento molto atteso in ogni programma.

DANZE TRADIZIONALI E DANZE POPOLARI DEL MYANMAR

La danza è sempre stata parte integrante della cultura del Myanmar. Il movimento del corpo e la disciplina della forma e della postura caratterizzano spesso le tecniche di danza locale. Dall’inaugurazione delle capitali all’inizio di una battaglia, tutte le funzioni reali sono iniziate e si sono concluse con una danza. Oggi, la danza è ancora parte integrante della vita quotidiana, che si tratti di matrimoni, feste delle pagode o Shinbyu (cerimonie di iniziazione dei monaci novizi). Svolge un ruolo vitale nella celebrazione di ogni occasione. Pwe o spettacoli di danza drammatica insieme alla musica spesso aggiungono colore alle feste delle pagode.

DANZA TRADIZIONALE

La danza tradizionale in Myanmar è elegante, armoniosa, elaborata, raffinata e floreale. Ciò che la rende ancora unica è che ogni movimento di danza trae ispirazione dai fiori. Si ritiene che un fiore assomigli ad una ballerina. Il bocciolo è la testa. Le foglie sono le mani e lo stelo il corpo. Al soffio di una leggera brezza, il fiore si anima e danza con il ritmo della natura. Questa purezza di movimento è spesso alla base della danza tradizionale del Myanmar.

DANZA FOLKLORISTICA

A seconda delle stagioni e delle terre fertili, la danza popolare in Myanmar è sempre stata parte integrante delle comunità agricole. Come tale, la maggior parte dei balli popolari riflettono la vita quotidiana con canzoni e testi che scorrono con il movimento dei ballerini. Una danza popolare è lo U Shwe Yoe, un pezzo comico con il ballerino vestito come un tipico gentiluomo del Myanmar con lunghi baffi ben rifiniti; porta un parasole Pathein, una sciarpa intorno al collo, un turbante o copricapo maculato e un sarong a motivi quadrati intorno alla vita. Nella danza, fa delle facce comiche abbracciando i movimenti di una signora, rappresentando la sua ricerca di una giovane ragazza attraente. Da sempre un pezzo popolare, le sue buffonate sono un elemento molto atteso in ogni programma.

CHINLONE

Il Chinlone, conosciuto anche come palla di canna, è il tradizionale sport nazionale del Myanmar, un connubio di sport e danza. Si tratta di un gioco senza competizione, con sei persone che giocano in una sola squadra, senza avversari. Anche se non c’è competizione, è uno sport molto esigente che richiede abilità e lavoro di squadra. La palla che viene usata è di solito fatta di rattan intrecciato a mano (chiamato Chinlone). È praticato da individui che passano la palla tra loro all’interno di un cerchio, senza usare le mani. Uno dei sei giocatori si sposta al centro del cerchio, mentre tutti gli altri giocatori cercano di assisterlo passandogli la palla che lui colpisce con un solo tentativo. Il punto importante del gioco è quello di tenere il più possibile la palla in aria senza farla cadere a terra. Durante il gioco, un’orchestra tradizionale suona canzoni motivazionali e la folla incoraggia i giocatori a dare il meglio di sé. Annualmente si svolge la festa Waso Chinlone in un piccolo stadio vicino alla famosa Pagoda Maha Myat Muni a Mandalay. Questa festa si svolge per un mese attorno al giorno di luna piena di Waso.

TATUAGGIO TRADIZIONALE

Le donne tatuate sono una delle principali attrazioni del Myanmar. Ogni gruppo etnico ha un proprio modello che lo distingue dagli altri. Nessuno sa esattamente come è nata l’usanza, ma una teoria è che il tatuaggio sia nato anni fa come forma di identificazione quando le donne venivano catturate o rapite dalle tribù vicine. Secondo un’altra leggenda i tatuaggi erano un modo per sfigurare intenzionalmente la bellezza della donna in modo da non poter essere presa in sposa dal re birmano. La maggior parte di loro sono state tatuate all’età di circa 12 anni. L’intero processo può richiedere fino a 3 giorni. Gli aghi sono solitamente fatti di sottili bastoncini di bambù o di spine. L’inchiostro è una miscela di bile di bue, fuliggine, piante e lardo. Le donne Chin sono famose per i loro volti tatuati. Anche se la tradizione di tatuare i volti sta scomparendo, è ancora predominante nella parte meridionale dello stato, in particolare a Mindat e Kanpetlet.

BURATTINI DI MYANMAR

MARIONETTE

Le marionette sono un oggetto tradizionale del paese e di cui gli abitanti del posto sono orgogliosi: le marionette del Myanmar. È possibile trovarne alcune non più usate negli spettacoli. Le marionette sono rappresentative dei personaggi e spesso hanno la loro storia da raccontare. Splendidamente realizzate a mano, queste marionette saranno un meraviglioso ricordo delle vostre avventure in Myanmar. I burattini o marionette sono state parte integrante del ‘Yoke-the Pew’ o teatro di marionette che ha intrattenuto re e reali durante il XVIII secolo.

DANZA DELLE MARIONETTE

Una compagnia standard è composta da 28 burattini che comprendono animali, re e regine, cortigiani, principi e clown. Le trame delle storie sono di solito prese dalle 550 Jatakas, o dal Ramayana che si occupa di queste marionette. I burattinai hanno anche il compito di scegliere l’accompagnamento musicale e narrativo essenziale per uno spettacolo completo. Una rara arte della forma, il teatro delle marionette esiste ancora in piccole aree del paese ed è una delizia da non perdere.